Topless in condominio

Come dimenticare la provocante Marilyn Monroe nel film «Quando la moglie è in vacanza», mentre annaffia i fiori seminuda sulla terrazza del suo condominio?

Ebbene, dalla Manhattan degli anni ’50 ai giorni nostri il passo sembra breve: condomine particolarmente esuberanti non mancano nemmeno nei nostri condomini.

Ma cosa succederebbe se una vicina, amante della tintarella integrale, decidesse di prendere il sole in topless sul suo balcone? O magari nel giardino condominiale?

Nel primo caso, l’ardita scelta sarebbe fonte di divertito stupore per alcuni, e di piccati pettegolezzi per altri. Nel secondo caso, invece, i più griderebbero allo scandalo. E sul povero amministratore pioverebbero proteste a non finire, soprattutto da parte delle Signore condomine.

Chi la spunterebbe alla fine? L’abbronzatura senza veli o il senso del pudore?

Topless in condominio: cosa la dice la legge

Se è vero che a casa propria si è liberi di fare quello che vuole, la stessa cosa non vale per il proprio balcone o il proprio giardino.

Qualora i luoghi privati siano “aperti” o esposti al pubblico, infatti, si deve tenere in attenta considerazione il decoro pubblico. Come nel caso di un balcone o un giardino condominiale.

Il che significa che la tintarella integrale è fuori discussione.

A meno che, s’intende, il giardino o la terrazza siano ben recintati o troppo alti per essere esposti a sguardi altrui.

Atti contrari alla pubblica decenza: topless in condominio

La pubblica decenza è quel complesso di regole etico-sociali che impongono a ciascuno di astenersi da ciò che può offendere il sentimento collettivo della più elementare costumatezza.

Certo è altrettanto vero che il concetto di atti contrari alla pubblica decenza varia con “i tempi che corrono”: ciò che era contrario alla pubblica decenza cinquant’anni fa, non è detto che lo sia oggi.

Per valutare la presenza dell’illecito occorre quindi individuare il sentimento della maggior parte dei cittadini in un precisato momento, in conformità alla progressiva evoluzione del modo di pensare (Cass. 10475/1985).

Ciò premesso, la nudità in luogo pubblico provoca turbamento nella comunità, oggi come in passato, motivo per cui viene tollerata solo nella situazione di un campo nudisti.

 

La morale? Abbronzarsi senza veli, in condominio potrebbe costare caro: per l’esattezza dai 5.000 ai 10.000 euro.

 

Articoli correlati: www.veryfastpeople.it/relax-terrazzo-quali-limiti/

2019-07-22T19:10:21+02:0022.07.2019|